sabato 31 ottobre 2009

Morte di un militante del DTP

Kurdish Info 29.10.2009 Il militante 52enne del DTP Resul İlçin è morto il 19 ottobre, quindici minuti dopo esser stato portato nella direzione della polizia, per gravi ferite al capo. leggi su Kurdish Info

martedì 27 ottobre 2009

Öcalan rivela le tre fasi principali della sua road map

Il leader del popolo kurdo Abdullah Ocalan, valutando i recenti sviluppi e presentando le sue proposte per una risoluzione nell’incontro coi suoi avvocati lo scorso 21 Ottobre, ha rivelato i tre punti seguenti presenti nella road map...
leggi su Kurdish-info

Turchia, esercito uccide 5 ribelli del Pkk. Condannata esponente politica curda
Cinque guerriglieri del Pkk sono morti in uno scontro con l'esercito turco, al confine tra le province di Tunceli e Bingol, Turchia orientale.
leggi su Peace Reporter

lunedì 26 ottobre 2009

Il difficile iter di un cammino di pace: i Gruppi di Pace kurdi dal 19 al 25 ottobre

Aldo Canstrari - Istanbul, 26 ottobre 2009
Scopo di questo testo e’ di tentare un’analisi piu’ approfondita degli eventi dell’arrivo in Turchia dei due Gruppi di Pace, narrati nei testi precedenti, aggiornati sino al 22 ottobre, e, al tempo stesso, informare di quanto accaduto successivamente, nei giorni dal 23 al 25 ottobre.

giovedì 22 ottobre 2009

Gruppo di pace europeo in partenza dall'Europa

Conferenza stampa martedì 27 Ottobre ore 11.30 a Bruxelles
presso il "The Passage Room, International Press Center - Residence Palace" in Rue de la loi 155 -1040 Brussels
Per ulteriori informazioni contattare:
European Peace Group: +32.489158016
Email: peacegroup2009@gmail.com

La marcia zapatista del «Gruppo di pace» kurdo
di Linda Panco - Dal 19 ottobre 34 militanti del Pkk hanno varcato il confine tra Iraq e Turchia e si dirigono, disarmati e a piedi, ad Ankara. Portano una lettera di richieste per dare una possibilità concreta alla pace. Sono accompagnati, lungo il loro cammino, da migliaia di kurdi che li festeggiano e li incoraggiano. Il governo turco per ora li lascia fare, e anche questo è un fatto straordinario...
leggi su Carta.org

mercoledì 21 ottobre 2009

Gruppi di pace a Diyarbakir


L'arrivo a Diyarbakir del primo Gruppo di pace
di Aldo Canestrari - I due Gruppi di Pace che il 19 ottobre a Silopi erano entrati in Turchia dall’Irak ieri sera (20 ottobre) sono partiti da Silopi, e, dopo un itinerario breve ma interrotto continuamente dall’accoglienza numerosa ed entusiasta dei Kurdi ieri a Cizre e Nusaybin, ed oggi a Kiziltepe, Mardin e Cynar, stasera (21 ottobre) sono arrivati a Diyarbakir, con un ingresso trionfale in seno alla popolazione che li attendeva da tre giorni di ininterrotta mobilitazione, tra canti, danze e discorsi, radunata in un grande piazzale in una sorta di nuovo festoso Newroz.
leggi

Intervista della rete di solidarietà con il popolo kurdo
a Mehmet Yűksel, presidente di UIKI Ufficio di informazione del Kurdistan in Italia. leggi

Lettera del Gruppo per una Soluzione Pacifica e Democratica
leggi su Global project

Il ritorno a casa dei guerriglieri curdi
Un gruppo di 34 curdi ha attraversato il confine turco-iracheno in segno di pace.
leggi su Peace Reporter

martedì 20 ottobre 2009

Gruppi di Pace verso Ankara

34 componenti dei Gruppi di Pace sono in marcia verso Ankara a bordo di un pulman messo a disposizione dal DTP.

Oggi 19 ottobre 2009 svolta storica per la pace nella Questione Kurda

di Aldo Canestrari da Kiziltepe (Kurdistan), 19 ottobre ore 23, difficile in questo momento fornire un resoconto dei fatti (e ancor di piu’ una loro valutazione) che vada oltre il frammentario, l’incompleto, e, soprattutto, il provvisorio: tutto deve ancora essere verificato, e sono ancora possibili svolte controcorrente.
Ma per ora tutto pare confermare una valutazione di fondo: la recentissima iniziativa kurda dei Gruppi di Pace sta avendo pieno successo, sia in seno al popolo kurdo (tanto la popolazione che la sfera politica) che di fronte alla controparte: Stato, governo, esercito.
leggi

lunedì 19 ottobre 2009

Gruppi di pace entrano in Turchia

Kurdish Info 18.10.2009- Secondo quanto riportato dalle agenzie stampa, il primo gruppo di pace è partito oggi, 19 ottobre, per entrare in Turchia via Silopi. Del Gruppo fanno parte 26 persone, tra le quali 4 ragazzi provenienti dal Campo profughi di Mahmura e da 8 guerriglieri, tra i quali 4 donne, provenienti dal Monte Qandil. Il gruppo sarà guidato da Seydi Firat che è stato già membro del primo gruppo di pace del 1 ottobre 1999 che diede voce al dialogo per una soluzione democratica della questione kurda.


TURCHIA: RIBELLI CURDI SI CONSEGNANO, VIA A PACIFICAZIONE
Trentaquattro fra militanti e simpatizzanti del fuorilegge Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) - fra cui otto combattenti, 13 donne e quattro bambini - si sono consegnati oggi alle autorita' turche dopo essere rientrati volontariamente dall'Iraq del Nord su invito del loro leader tuttora detenuto Abdullah Ocalan.
leggi su AnsaMed

Video del Gruppo di pace (Barış grupları) da Kandil

sabato 17 ottobre 2009

Contro il razzismo

Roma 17 ottobre 2009 Manifestazione nazionale antirazzista
Rome October 17, 2009 national demonstration against racism

Koma Civakên Kurdistan - Peoples Confederation of Kurdistan

ALL’OPINIONE PUBBLICA
Nell’incontro del 9 ottobre 2009 il Presidente Abdullah Ocalan ha sottolineato che nella soluzione della questione Kurda si assiste ad un momento di blocco sia per quanto che riguarda i metodi militari che per quelli politici. Per superare il blocco che esiste nella sfera politica e per aprire le vie della soluzione democratica della questione kurda, il Presidente Ocalan ha fatto un appello al nostro movimento di riutilizzare lo strumento dei gruppi di pace. Questo appello che ieri è stato diffuso dalla stampa è stato accolto dal nostro movimento. Nello stesso momento diverse proposte ed idee che sono state presentate dai nostri amici saranno realizzate. Abbiamo quindi deciso di mandare tre diversi gruppi di pace in Turchia...
leggi su kurdish info

martedì 13 ottobre 2009

La speranza di libertà del popolo kurdo

Il Centro socio-culturale Ararat e la Rete Italiana di Solidarietà col Popolo Kurdo aderiscono alla grande manifestazione antirazzista di Roma del 17 ottobre 2009.
leggi comunicato

domenica 11 ottobre 2009

Interrogazione del DTP ad Erdogan sull’assassinio della piccola Ceylan Onkol

Il Presidente del DTP di Diyarbakir, Gültan Kışanak ha presentato una interrogazione al Primo Ministro Recep Tayyip Erdogan relativa all’omicidio di Ceylan Önkol. La 14enne della città di Lice, nel distretto di Diyarbakir, morta, da quanto si suppone, a causa di un colpo di granata mortale sparatole contro lo scorso 28 settembre.

leggi su kurdish-info.eu

Dossier bambini kurdi in Turchia

Documento informativo sulla condizione dei bambini kurdi in Turchia
scarica Dossier pdf

venerdì 9 ottobre 2009

141 arresti e 2 fermi dopo 2 giorni di scontri a Istanbul

Secondo informazioni raccolte dal Contemporary Lawyers Association, la maggior parte dei manifestanti arrestati durante le manifestazioni contro il Fondo monetario internazionale e Banca mondiale sono stati aggrediti nei veicoli della polizia. 27 persone arrestate il secondo giorno non sono state ancora rilasciate, anche se il fermo di 24 ore era già scaduto.
22 bambini arrestati il primo giorno di proteste
leggi su bianet news

mercoledì 7 ottobre 2009

Turchia, uomo muore durante le proteste contro il forum del Fondo monetario internazionale

Un manifestante turco di 55 anni e' morto per un arresto cardiaco durante le proteste a Istanbul contro le assemblee annuali del Fondo monetario internazionale e della Banca Mondiale.
leggi su peace reporter

Video proteste a Istanbul

lunedì 5 ottobre 2009

giovedì 1 ottobre 2009

Vogliamo giustizia per i nostri bambini!

Kurdish Center for Human Rights - I minori kurdi sono le maggiori vittime della guerra in corso. Sta ricadendo sulle loro deboli spalle il peso di vivere in un’epoca così violenta. Questo accade se i loro deboli corpi siano stati in grado di sopravvivere alla violenza senza esserne distrutti. Sono le vittime ed i testimoni di questa guerra e ne stanno pagando il prezzo sacrificando il loro futuro.
leggi comunicato